Archivio Verona

Verona è un libro fotografico di grandi dimensioni (29 x 32 cm) che illustra scenograficamente la città attraverso i suoi monumenti più celebri e rappresentativi seguendo un percorso cronologico essenziale che si compone dei seguenti capitoli:

  • Colonia Augusta Nova, Verona nella Romanità
  • Gioiello Romanico, Verona Medievale
  • Capitale Scaligera, Verona Rinascimentale
  • Prima e dopo Sanmicheli, Verona Cinquecentesca e Barocca
  • Perfetta piazzaforte Asburgica, Verona Ottocentesca e Moderna

Verona è una delle città d’arte monumentali più famose d’Italia. Centro e crocevia del turismo culturale Europeo raccoglie dentro le sue mura (monumento esse stesse) una serie di edifici storici importantissimi che vanno dall’Arena alle Cattedrali come San Zeno e Sant’Anastasia.

Il libro raccoglie un servizio fotografico di largo respiro realizzato da Paolo Marton in un anno intero di lavoro. Le immagini, frutto di una tecnica e di una grande sensibilità artistica, sono state realizzate con macchine professionali Linhof (Master Technika e Technikardan) e Hasselblad, nei formati 10×12, 6×12, 6×9, 6×7, 6×6. Sono stati usati flashes per una potenza complessiva di 6000 Watt per l’illuminazione di interni soprattutto delle grandi chiese e di palazzi e musei.

Le fotografie illustrano particolari e dettagli in modo originale e unico rendendoli altamente espressivi. Come per esempio il fascino notturno della grande Porta Borsari, le visioni magiche del Ponte Pietra, del Teatro Romano, dell’Arena di Verona di notte durante le sue celebri rappresentazioni liriche come l’Aida, dettagli straordinari dei portali di bronzo di San Zeno o delle sculture della facciata, le perfette armonie del chiostro, le grandiose navate interne, il trittico capolavoro di Andrea Mantegna, le visioni incantate dei panorami veronesi al tramonto. Una sequenza di chiese famose come le tre Basiliche sovrapposte di San Fermo, continuando attraverso la gotica SS. Trinità in Monte Uliveto, Santo Stefano, il Duomo col suo chiostro a doppio ordine, il bellissimo Battistero.

 Tra piazze e palazzi, come Piazza delle Erbe, con le sue case affrescate, Piazza dei Signori dominata dal severo monumento a Dante Alighieri, che a Verona visse ospite di Cangrande della Scala, gli straordinari giochi architettonici delle Arche Scaligere, la maestosità del Ponte di Castelvecchio con le sue enormi arcate, l’originale posizionamento della statua equestre di Cangrande dovuto all’architetto Carlo Scarpa, le sale del Museo della Scala, il gotico luminoso della Chiesa di Sant’Anastasia, i suoi preziosi e riscoperti affreschi, la casa di Giulietta, piazza Brà, la scala della Ragione, il gioiello rinascimentale della Loggia del Consiglio, il verde labirinto del giardino Giusti, le facciate grandiose dei palazzi patrizi, etc.

I Commenti sono chiusi

Language